Municipalizzate a Persiceto: Virgilio

municipalizzateParto da questo articolo di Paolo Grandi  dell’ottobre 2013 nel quale si invocava CHIAREZZA.
Chiarezza che non si è, a mio avviso, ancora avuta. Penso che molti abbiano letto le dichiarazioni di qualche mese fa del sindaco Mazzuca che diceva che il comune di San Giovanni in Persiceto sarebbe uscito dalla società Virgilio s.r.l., ma qual era la motivazione addotta? Per quello che mi è dato sapere e per quello che lessi la motivazione era che il segretario del PD nonché Presidente del Consiglio dei Ministri voleva che le amministrazioni locali uscissero dalle partecipate.

Come motivazione mi parve un tantino debole e pensai che se la scelta di entrarvi aveva il senso di miglioramento del servizio e/o di un contenimento dei costi perché uscirne? Se invece il motivo era veramente quello, diventava una foglia di fico per uscire da una questione a dir poco imbarazzante. Fatto sta di quel proponimento io non ne ho più avuto notizia.
Ma voglio tornare ora sulla questione CHIAREZZA, non mi pare che dall’amministrazione comunale si sia mai avuto nei confronti dei cittadini quella chiarezza che Grandi auspicava.

Qualche settimana fa poi sono arrivate le richieste di pagamento dei canoni di manutenzione e sono rinfocolate le polemiche, sempre nelle chiacchiere, e la gente è stanca di dover pagare anche questo balzello. Al di là dell’importo (ognuno guarda alle sue tasche) quello che stride è che non si vede questo gran miglioramento nella manutenzione dei cimiteri in seguito agli esborsi dei cittadini.

Ho provato a visitare il sito di Virgilio ma non ho trovato molto, l’unica cosa interessante è stato un “Incarico di assistenza e consulenza per la redazione di uno studio di fattibilità relativo allo scioglimento del rapporto sociale limitatamente ai soli soci pubblici” che è stato affidato al Dr. Massimo Masotti dello Studio LS Lexjus Sinacta di Bologna. Invece sul sito del Comune di San Giovanni in Persiceto l’ultima nota che ho trovato risale al maggio 2012.

Tra pochi giorni il Dr. Masotti dovrà presentare la sua relazione, allora forse il sindaco di San Giovanni CHIARIRA’ cosa farà.

  1. Bene hai fatto Armando a risollevare questo problema che da oramai due anni sta pesando sui cittadini.
    Così, per dire, quasi due anni fa ho ricevuto una lettera di ingiunzione al pagamento di una banca locale per 84,70 €. con “Riferimento: CANONE MANUT. 2012 2013- VIRGILIO SRL -cod. SIA=AM Cimitero -“

    Senonchè io non possiedo nessun loculo, nè posso averne ereditato alcuno a mia insaputa, essendo mio padre ancora in vita, nè ovviamente ho mai ricevuto le fatture di Virgilio citate nel bollettino.

    Ovviamente non ho pagato e per il momento non è successo nulla, anche se mi aspetto chissà quale penale con Ufficiale Giudiziario o peggio da un momento all’altro.

    Non oso immaginare quanti cittadini riceveranno in questi giorni queste “ingiunzioni” e l’incazzatura che scateneranno.

    http://www.persicetocaffe.com/wp-content/uploads/2013/10/tassa-loculi2.jpg
    http://www.persicetocaffe.com/wp-content/uploads/2013/10/tassa-loculi.jpg.

  2. *Paolo Grandi * da FB.

    ” Leggo l’articolo di Persiceto Caffè in cui vengo citato e che Andrea ha voluto condividere sulla mia pag. Facebook; il mio commento in sintesi:

    1) non rinnego nulla di quanto scrissi nel 2013, a quel tempo ci stava, ma da allora tanto è cambiato;
    2) le scelte fatte sono state riviste come noto dai numerosi contributi/dibattiti in varie sedi, in particolare Consiglio Comunale Comunicati sulla pag. Fb da parte del Sindaco ed altro ancora (soprassiederei sugli articoli di stampa risentendo molto dalla mano di chi lio scrive ed è normale, ognuno sul suo giornale scrive quello che ritiene piu opportuno fino a un certo limite ovviamente);
    3) sulla base di questa concreta revisione ne sono derivate e ne deriveranno a breve importanti ricadute.
    Forse puo essere utile rileggere l’ultimo comunicato comparso recentemente sulla pagina del Sindaco.

    Si puo essere d’accordo o meno, ma almeno tre fatti mi sento di affermarli:
    1) non vi è certo disattenzione sulla situazione e importanti e costosi inteventi sono già stati fatti come chiunque puo verificare non solo da questo report, ma anche, ovviamente, facendo un sopraluogo;
    2) vi è un impegno/progetto per dare una risposta alle oggettive criticità, anche se per comprensibili motivi tecnici/strutturali i tempi non saranno brevissimi;
    3) è in corso una revisione delle modalità su come procedere in tutti i vari aspetti del complesso problema: tecnici, giuridicoamministrativi, economici.