Contrordine: l’ospedale non rischia più

ospedale non rischia In questo inizio estivo della nuova Amministrazione Pellegatti, vi sono almeno due aspetti che mi sembrano degni di riflessione e che vorrei qui riportare.

Il primo è il clamoroso contrordine sulla imminente chiusura dell'ospedale: ebbene, ora che la campagna elettorale è finita…  il nostro ospedale non rischia più e sarà anzi potenziato.  :)

Come è successo nelle ultime campagne elettorali, anche questa volta hanno spinto in parecchi sullo spauracchio della chiusura dell'ospedale. Come dicevamo a maggio,  "… si tratta di un argomento elettoralmente ghiotto e ad ogni tornata elettorale ecco che l'ospedale (e la sua chiusura) vengono sbandierati con l'allarmismo di chi gioca con le paure della gente. Ma poi passate le elezioni il nostro bell'ospedale resta sempre li, con i suoi 5.000 ricoveri all'anno, le sue specialistiche e il suo pronto soccorso h24 che funziona egregiamente."

E difatti ecco che passate anche queste elezioni è lo stesso Pellegatti a tranquillizzare i cittadini, ammettendo così di averli perlomeno allarmati il mese prima per soli fini elettorali. 

Ma in questa vicenda c'è un aspetto interessante che ci fa pensare: come mai in precedenti elezioni i persicetani non hanno creduto alla bufala della chiusura dell'ospedale, e questa volta invece si, mandando a casa i piddini ?

La risposta, chiara e sintetica, ce la da un commento apparso in FB:

Nadia Vecchi
Nadia Vecchi  Sarà che qualsiasi cosa dite non vi crede più nessuno??

 

 

 

Ecco, questa lista PD non ha saputo prendere le distanze dal suo segretario Renzi e dalla formidabile massa di panzane & fanfaluche che ogni giorno propina ai cittadini, e i persicetani allo stesso modo hanno recepito il programma e le proposte del locale Pd. E non gli hanno rinnovato la fiducia. 

 

Il secondo aspetto è il primo intervento dell'Assessore ai Servizi Sociali Fabrizio Nicoli, dove  ha dichiarato che lui e la sua Amministrazione intendono sostenere solo le famiglie "canonico-ortodosse", per quelle "diverse, non in linea alla tradizione" non vi sarà alcun sostegno.  

Il distinguere tra famiglie “canoniche, ortodosse” e "famiglie non in linea alla tradizione" dell'Assessore Nicoli, non solo va contro il principio promesso dal Sindaco Pellegatti di essere il Sindaco di *tutti* i cittadini (evidentemente indipendentemente dal loro essere più o meno in linea con l'ortodossia canonica) ma è palesemente contraddetto dalla Costituzione:


Articolo 3

" Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale [cfr. XIV] e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso [cfr. artt. 29 c. 2, 37 c. 1, 48 c. 1, 51 c. 1], di razza, di lingua [cfr. art. 6], di religione [cfr. artt. 8, 19], di opinioni politiche [cfr. art. 22], di condizioni personali e sociali.
E` compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l'eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l'effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all'organizzazione politica, economica e sociale del Paese."

Quindi l'Assessore che intenda discriminare i cittadini secondo il loro livello di "ortodossia canonica" è perseguibile per legge:

-" Il divieto di discriminazione è posto a tutela della dignità umana … Lo ha affermato il Tribunale di Vercelli che ha condannato l’amministrazione di Varallo e i due politici a risarcire il danno morale ai due cittadini."

Etichettare i cittadini per le loro fedi religiose (o abitudini sessuali o altro) e quindi discriminare gli uni a favore degli altri è tipico delle dittature integraliste, NON delle *democrazie*. Il Nazismo iniziò appunto "etichettando" i cittadini in base a religione e idea politica, razza e abitudini sessuali ecc.". Sappiamo poi com'è finita.

Viste le sentenze precedenti, nel caso l'Assessore intenda porre in essere quanto annunciato, non esiteremo ad esporre alla Magistratura eventuali sue violazioni della legge vigente.

 Il livello civile e culturale del nostro Comune che ha ereditato Pellegatti è quello che appare in questo bel filmato.  Ora vediamo se la nuova Giunta saprà migliorare ancora la squisita ed aperta emilianità di Persiceto o se con l'Assessore Nicoli è iniziata una pericolosa china verso l'oscurantismo integralista e discriminante.

 

  1. Andrea mi provochi e io ci casco e ti rispondo :
    Ospedale ?
    Attenzione il Sindaco Pellegatti mercoledi 27 Luglio al consiglio comunale a Decima ha detto ben di più di quanto tu correttamente riporti :

    assolutamente in linea con quanto da tanto tempo
    anche il PD locale sostiene ha chiarito quale ruolo deve avere un Ospedale come Persiceto ( interventi di medio bassa intensità assistenziale in rete con Maggiore /Sant’Orsola / Rizzoli ) ,ma non solo ha aggiunto che l’ospedale rappresenta una parte minoritaria della assistenza sanitaria riconoscendo una grande ruolo alla cronicità , prevenzione , medicina territoriale nel suo insieme
    Andrea, PD a parte tu sai, per le tante volte che ne abbiamo parlato, che è questo quello che da anni sostengo non perché sono un “geniale “ innovatore ,ma perché è quello che da decenni viene teorizzato da chi si occupa di organizzazione sanitaria , fin da quando l’ing. Pellegatti lavorava presso l’Ausl di Mirandola !
    Perché il sindaco Pellegatti non lo ha detto in campagna elettorale ?
    Perché il sindaco Pellegatti Mercoledi 27 Luglio al consiglio comunale a Decima ha fatto più riconoscimenti positivi che negativi alla azione della passata amministrazione in dissonanza con la sua campagna elettorale ?
    Sta a lui rispondere !
    Il PD nazionale ? Pur con tutti i suoi difetti che non mi sfuggono di certo continuo a vederlo come la forza politica piu adatta a governare l’Italia di oggi
    Renzi ? Pur con tutti i suoi difetti che non mi sfuggono di certo continuo a vederlo come il Leader piu adatto a governare l’Italia di oggi
    Ne abbiamo parlato tante volte e tante altre volte ne avremo occasione ,ma non in questa sede perchè tu sai che il mio metodo di analisi ama il confronto diretto e non virtuale
    Sull’assessore Nicoli la registrazione video parla da sola la mia posizione è nota , non ha risposto a queste semplici domande
    – Assessore cosa intende, con precisione per famiglia “canonica /ortodossa”? Si può intendere in numerosi e anche molto diversi modi se non chiarisce ognuno legittimamente ne dà una sua interpretazione con tutto quello che di negativo ne consegue.
    – Assessore questa sua visione della famiglia rimarrà un suo riferimento privato o influenzerà la sua attività amministrativa?
    E un politico che non risponde dà un brutto segnale , qualsiasi sia la sua forza politica sia ben chiaro ovviamente !

     

  2. Commenti
    Valeria Pritoni
    Valeria Pritoni  Se il "Buongiorno" si vede dal mattino, ci sarà da lavorare, Andrea!
     

    Roberto Poppi
    Roberto Poppi Andrè secondo te di chi è molto amico Nicoli…si frequentano in quelle loggie con le croci…mha…
     

    Viviana Gardini
    Viviana Gardini con più leggo le dichiarazioni del nuovo Sindaco con più trovo molti punti di riscontro con il programma elettorale partecipato .(d'altronde era pubblico!) …di Tommaso Cotti candidato …..vedremo quali altri contrordini farà o dirà…..è che dopo la campagna elettorale …c'è da fare e dimostrare….oltre SANGIO …verso la #cittàmetropolitana#diteloallassessoreNicolidopochealSindacoprima..#ricordandolorocheunSindacoèdituttianchechinonlhavotato buona giornata Andrea …Valeria…..
     

    Atti Massimo
    Atti Massimo Aspettiamoci presto la santa inquisizione
     

       

  3. Paolo Grandi: 

    "…Renzi ? Pur con tutti i suoi difetti che non mi sfuggono di certo continuo a vederlo come il Leader piu adatto a governare l’Italia di oggi… "

    Carissimo Paolo, gli interventi di Pellegatti che confermano (anche se solo in parte) la buona amministrazione delle Giunte Pd passate, non fanno che confermare che è questa tua convinzione, tanto diffusa e acclamata da parecchi piddini locali, che i persicetani non vi hanno perdonato.  😉 

     

  4. [PRECISAZIONE]

    A nome mio e della giunta comunale vorrei fare chiarezza e sgombrare il campo da inutili polemiche e strumentalizzazioni su alcune affermazioni che abbiamo fatto durante il Consiglio comunale di mercoledì sera a Decima su temi quali famiglia, welfare e volontariato.
    Ci tengo a precisare che quando parliamo di maggiore welfare, intendiamo un tipo di assistenza rivolto a chi possiede i requisiti di regolarità previsti dalla normativa vigente, come cittadinanza italiana o permesso di soggiorno, con particolare attenzione alla famiglia così come definita dalla Costituzione e dalla Legge italiana, ai soggetti più deboli e più in generale a tutte le persone che si trovano in difficoltà. Agli assistiti chiederemo la disponibilità a collaborare attivamente per il bene della collettività, magari offrendo il proprio tempo libero per progetti di volontariato e pubblica utilità in cambio di aiuti economici erogati dal Comune. Questo ci sembra il modo migliore per aiutare chi è in situazione di bisogno rendendolo parte attiva e costruttiva della vita di comunità.. "