BarCamp Persiceto Caffè alla Festa Pd

E’ da tempo che ipotizziamo di trovarci, noi àpoti di Persiceto Caffè, e tentare di fare “un punto” della situazione, cercare di mettere a fuoco la posizione (e l’azione) del nostro Portale di Terred’acqua in questo marasma epocale che ogni giorno cambia la propria immagine offrendoci realtà sempre diverse, sempre mutate.

Recentemente, l’idea di trovarci e parlarne è stata istigata da questo articolo di Fausto, che ha generato questa bella discussione in rete.

Dice Simona:
Lasciate morire il PD che ha gettato via ogni idea di sinistra, per una supposta ed improbabile idea di democrazia e di modernità. Andatevene voi della base, riprendete con coraggio le vostre idee e combattete perchè tutto ciò che si è conquistato con le unghie e con i denti non vada mai disperso.”

E propone Andrea Masini:
Vorrei lanciare una provocazione. Alla festa di sangio c’è una qualche “tavola rotonda” sul partito? Perchè non trovarsi a parlare della situazione? freganasegaanessuno, dite?? Eh. Forse si.”

E poi Leonildo:
Avrei mille cosa da dire, ma non so dove cominciare, è talmente grande la DELUSIONE della politica del PD che ...”

Per  Yari:
…potrebbe essere qualcosa. Ma, non per fare sempre il bastian contrario: a cosa servirebbe? cosa e a chi interesserebbe? il post (la memoria mi funziona ancora…) di @dimitri cosa va e cosa no a SGP, che scopo aveva? a cosa è servito? concordo che piòtost che gnìnta…”

 Lara dice:
… ma poi faccio la conta dei presenti seduti e mi dispiaccio, sono sincera provo tristezza, non amo sparare contro la croce rossa dicendo che c’era il deserto l’altra sera con Merola. … Di una cosa sono certa, che il meglio non conta una mazza… o quasi! e sono quelli che stanno alla base, quelli impegnati a servire ai tavoli, a cucinare a vendere nella libreria, per non parlare di quelli che hanno occupato le sedi, che hanno il coraggio di dire: “No io non mi uniformo”…ecco, io sono con loro col pensiero.

 Massimiliano:
…credo che valga la pena accettare di far qualcosa alla festa del Pd solo se si viene invitati ad uno di quei fantastici dibattiti con i volantini che recitano: “la propaganda del partito ai tempi del videotel” introduce ing. tizio, discutono avv. caio, dott. sempronio e cav. trombone, modera on. cuccureddu, riflessioni del segretario prof. ciccio.  Altrimenti andare alla festa dell’unità da un paio di anni a questa parte, a referenziare gente autoreferenziata e magari farsi spennare per una manciata di tortellini tristi e salsiccia strinata come l’ultima volta a Persiceto, salto  :)

E poi Stefano:
…la cosa è interessante. Ma se per le prossime amministrative il diktat nazionale dovesse essere di fare le larghe intese anche nei territori, come la mettiamo? chi è di sinistra può ancora fidarsi del PD dopo l’ultima truffa? …Comunque, se ci si trova, ci sono. Mal che vada ci vediamo nella ghigna.”

E Fabio:
“... verrei anch’io. Vorrei sapere se Gramsci è morto e seppellito e buona lì o se si mantiene la memoria di cosa vuol dire “sinistra”.”

 

E allora, a noi che abbiamo votato Sel, M5S o Pd e che da un paio di mesi siamo disgustati dalle promesse elettorali tradite da ciò che fa Letta con Alfano, o  di come i “cittadini 5S” si occupano dei problemi del Paese,  sorgono alcuni dubbi:

  • Quanto resta percorribile l’intento di “vedere” la politica, sia locale che generale, da un punto di vista àpoto (di coloro che non se la bevono) collocato in un’ideale area tra il M5S, Sel e Pd?
  • Quale può essere oggi il senso di un Portale di Terred’acqua come Persiceto Caffè, e come farlo interagire con le attuali Amministrazioni Comunali, ora in scadenza, e con le prossime in arrivo ?
  • Quanto può essere recepito in Terred’acqua questo concetto di Barca ?  … non credo affatto che la mobilitazione cognitiva sia o possa essere solo interna. Esistono e godono di buona salute – per fortuna! – fuori dai partiti associazioni impegnate attorno a temi specifici, che mobilitano cittadini di ogni parte della società e molti, molti giovani, e che sono – scrivo nella memoria – “caparbiamente indipendenti”. Producono idee e beni collettivi. Il Pd deve raccogliere la loro conoscenza. Essere aperto alle loro idee. Accogliere e stimolare la partecipazione dei loro associati. E’ una condizione indispensabile del partito palestra di questo secolo. “

Organizzare un BarCamp alla ex Festa dell’Unità e usare il metodo del  BrainStorming potrebbe essere un’idea per trovare risposte.

BarCamp è una nonconferenza aperta i cui contenuti sono proposti dai partecipanti stessi, i quali condividono e apprendono in un ambiente aperto e libero e collaborativo, dove chiunque può proporre un argomento e parlarne agli altri, con lo scopo di favorire il libero pensiero. Una riunione il cui tema di discussione è deciso dai partecipanti piuttosto che prestabilito in anticipo dagli organizzatori, una riunione aperta i cui contenuti vengono proposti dai partecipanti stessi.

Il BrainStorming è una tecnica di creatività di gruppo per far emergere idee volte alla risoluzione di un problema.  “Usare il cervello (brain) per prendere d’assalto (storm) un problema“,  dato un problema, consiste nel proporre ciascuno liberamente soluzioni di ogni tipo (anche con poco senso apparente) senza che nessuna di esse venga minimamente censurata. La critica ed eventuale selezione interverrà solo in un secondo tempo, terminata la seduta di brainstorming.
Il risultato principale di una sessione di brainstorming, che apparentemente sembra un metodo quasi infantile, è invece in genere molto produttivo: può consistere in una nuova e completa soluzione del problema, in una lista di idee per un approccio ad una soluzione successiva, o in una lista di idee che si trasformeranno nella stesura di un programma di lavoro per trovare in seguito una soluzione.

 

E così, grazie alla complicità di Dimitry Tartari, siamo lieti di annunciare che:

il giorno 9 alle ore 20.00, è organizzato il Primo BarCamp di Persiceto Caffè presso la Festa Pd di Persiceto – Stand Gnocco fritto.

Chiunque può partecipare e saranno particolarmente graditi tutti i lettori del Portale di Terred’acqua.

Programma:

  1. ore 20.00: – ritrovo dei partecipanti
  2. ore 20.30: – primo assaggio vini della casa
  3. ore 21.00: – quanto resta percorribile l’intento di “vedere” la politica, sia locale che generale, da un punto di vista àpoto (di coloro che non se la bevono) collocato in un’ideale area tra il M5S, Sel e Pd?
  4. ore 23.00: – assaggio salsiccia alla brace
  5. ore 23.30: – continuazione interventi a estinzione
  6. ore 24.00: – secondo assaggio vini della festa
  7. ore 01.00: – quale può essere oggi il senso di un Portale di Terred’acqua come Persiceto Caffè, e come farlo interagire con le attuali Amministrazioni Comunali, ora in scadenza, e con le prossime in arrivo ?
  8. ore 02.00: – assaggio misto dolci caserecci
  9. ore 04.00: – continuazione interventi a estinzione
  10. ora non definita: – caffè finale al bar di quegli ex bolsevici sovversivi dell’Akkatà.

Tutti gli interventi saranno pubblicati in Persiceto Caffè, dove continuerà il dibattito online, ad oltranza.

L’abbuffet è offerto dalla Festa EX Dell’Unità  (quotidiano fondato da Antonio Gramsci :( ) – offerta libera