I Profeti

massimo-d-alema-governoSono anni che non ne azzeccano una. E più dicono fesserie più si sentono veggenti sicuri della politica, profeti delle masse e leader dalla verità in tasca.

E noi dovremmo pure starli a sentire.

In questa tornata elettorale hanno sentenziato di tutto e di più, hanno indicato alle masse le loro preveggenze certe, con presuntuosa sicurezza ed arrogante alterigia, pretendendo che li si seguisse nei loro vaticini.

E ancora, non ne hanno azzeccata una.

Vediamole, (e ricordiamoci di questi profeti) :

«A Milano è giusto avere un candidato civico perché il centrosinistra con un candidato politico perde».
(Enrico Letta, 2 settembre 2010)

«La Moratti ha già vinto perché la sinistra gli ha messo lì una persona di 60 anni che ha già perso».
(Beppe Grillo, 4 maggio 2011)

«I tre elettorati, quello di De Magistris, quello del Terzo Polo e quello di Pd e Sel potranno convergere solo su Mario Morcone».
(Enrico Letta, 16 maggio 2011)

«Io ci sono ancora ed escludo di appoggiare De Magistris. Meglio Morcone. Nei prossimi giorni avrò un incontro con i miei sostenitori. Avevo chiesto a De Magistris di mettere la faccia nelle primarie, ma lui fece un calcolo politico perché in quei giorni sembrava imminente la crisi politica nazionale. Ma non vincerà, Morcone è più forte di lui».
(Andrea Cozzolino)

«Se Luigi De Magistris va al ballottaggio mi suicido, ma non ci arriverà, non si è mai visto un magistrato che arriva a fare il sindaco di una grande città».
(Clemente Mastella, 28 aprile 2011)

«Sono l’unico candidato che può battere la destra».
(Mario Morcone, 13 maggio 2011)

«L’unica cosa certa è che Pisapia non può vincere».
(Massimo Cacciari, 15 novembre 2010)

«Morcone è la soluzione che unisce, è l’unica vera novità».
(Massimo D’Alema, 12 marzo 2011)

«Mi adeguerò alle decisioni della maggioranza, ma ritengo che quello che rappresenta Pisapia, non tanto lui come persona, è inadeguato per vincere a Milano».
(Emanuela Baio, 18 novembre 2010)

«De Magistris farebbe bene a ritirarsi pur restando nella coalizione e dando il suo contributo».
(Libero Mancuso, 18 marzo 2011)

«Al secondo turno andrà Morcone. E sarà un bene per tutti visto che è l’unico in grado di portare l’elettorato moderato su posizioni avanzate rispetto a temi come l’acqua pubblica, la lotta alla speculazione, la tutela dei più deboli. Diversamente De Magistris è indigesto a una fetta di elettori che si pongono al centro».
(Andrea Orlando, 13 maggio 2011)

«E’ motivo di soddisfazione la scelta compiuta dagli iscritti di Sel che hanno deciso di sostenere Mario Morcone. Una decisione che rafforza l’unità del centrosinistra e crea le premesse indispensabili per battere la destra di Cosentino».
(Davide Zoggia)

«Pisapia è un’eccellente persona. Che non ha alcuna possibilità di essere eletto».
(Augusto Bianchi Rizzi, 15 luglio 2010)

  1. Che schifo, questi hanno una sfera di cristallo che sembra di più una bolla di sapone, non ne hanno azzeccata una.
    Ma la sfiga è che si sono già dimenticati di quello che hanno detto e ora dicono che in tanti altri comuni hanno vinto candidati del PD e che bisogna fare l’occhiolino alla puttana Casini che regolarmente appena potrà ce lo metterà nel…
    Ma porca troia, non avete ancora capito che la base vuole unire a sinistra? Non avete ancora capito che siete finiti come Berlusconi e il vostro tempo è scaduto?
    Non avete ancora capito cari D’Alema, Letta, Veltroni & c. e compagnia cantanti che se non volete farvi da parte è meglio che facciate i sindaci in qualche comunello come ha fatto il morto vivente che per almeno 5 anni ce lo siamo tolto dai maroni confinandolo a Torino? E sono stato benevolo e indulgente perchè io vi manderei IN MINIERA a spalar carbone, magari con culo flaccido! 😈

  2. In alcuni Comuni, il PD si è presentato con il Terzo Polo e senza Sel.

    E’ successo ad esempio a Macerata, dove D’Alema ha personalmente sostenuto il candidato Pettinari, assieme a Casini.

    Siccome hanno vinto,  ne ha fatto subito il punto di riferimento di quella che, secondo lui, dovrà essere da domani la “strategia vincente” del PD, ignorando stranamente tutte le altre vittorie del centrosinistra.

    Ignorando anche le clamorose sconfitte della sua formula magica, come a Cassino, dove il Pd assieme al terzo Polo non è nemmeno riuscito ad andare ai ballottaggi e Golini sostenuto da Sel, Idv, Fed. Sinistra e Liste Civiche ha vinto contro il Pdl.

     

  3. Queste elezioni, che sono state una tragedia per il centrodestra, dovrebbero però insegnare qualcosa anche al centrosinistra. Gli italiani vogliono novità e si sono rotti le scatole di doversi sorbire le solite minestre riscaldate.

    Se fossi in D’Alema me ne andrei a Gallipoli a prendere il sole in barca a vela! Oramai ha fatto il suo tempo. C’è bisogno di gente nuova e possibilmente giovane!