Di nuovo censura per il web

censuraIgnorato da tutti i media, ieri il Senato ha approvato il cosiddetto pacchetto sicurezza (D.d..L. 733).

Uno degli emendamenti approvati è  del senatore Gianpiero D’Alia (UDC) identificato dall’articolo 50-bis:

Repressione di attività di apologia o istigazione a delinquere

compiuta a mezzo internet“.

La settimana prossima il testo approderà alla Camera come articolo nr. 60.

Questo senatore è della minoranza, NON è nemmeno al Governo, e questo la dice lunga sulle necessità trasversali della casta di bloccare la diffusione delle notizie in rete che ha portato a questo disegno liberticida.

In base a questo emendamento,  se un qualsiasi cittadino dovesse invitare attraverso un blog  (o un profilo su fb, o altro

sulla rete) a disobbedire o a ISTIGARE  contro una legge che ritiene ingiusta, i providers saranno costretti ad oscurare  il blog o il sito.

Com’è facile comprendere, una volta passata una legge simile diverrà molto facile per gli uomini comandati dalla casta interpretare cosa è disobbedire e istigare o solo criticare e dissentire, e quindi operare una vera e propria operazione di censura della rete ed impedire la diffusione delle notizie scomode.

  1. Pingback: Di nuovo censura per il web | Informare per Resistere

  2. Il nostro Avvocato ci fa notare che si tratta di bufala.

    Ci scusiamo con i lettori, ma questa notizia non è veritiera.

    Infatti il DL n.733, noto come “Pacchetti sicurezza” è stato approvato al senato nell’estate 2009, ma l’emendamento D’Alia è nato e morto in commissione non è mai arrivato in aula.

    E ci siamo cascati pure noi.  (ed è già la seconda volta, la prima sull’aumento di stipendio dei parlamentari)  :(

    Qui vediamo lo stesso messaggio del febbraio 2009

    Qui invece del gennaio 2010

    E in wikio è possibile vedere la versione agosto 2011 riportata da Syndication – Reset –  Il lato sinistro – Giornalettismo e ovviamente noi del blog di Andrez.

    E’ facile cadere in questi tranelli e con essi si ridicolizzano quei blog che fanno discussione come il nostro.  Dobbiamo stare più attenti.  :mrgreen: