Che andremo a dire porta a porta per il PD?

D'alema. Ora il Pd ci chiama alla mobilitazione d’autunno.

Dice che sarà la nostra grande forza perchè la maggioranza è finita.

Mentre riceviamo questi appelli, non manchiamo di essere stupiti dalle affermazioni dei finiani di  Fare Futuro:

” Berlusconi è solo slogan, editti e killeraggio.

Il berlusconismo: un mix di dossieraggio, ricatti, menzogna per distruggere l’avversario, propaganda stupida e intontita, slogan, signorsì e canzoncine ebeti.

Il pensiero corre agli eventi passati, all’editto contro Enzo Biagi, contro Daniele Luttazzi, contro Michele Santoro. Il pensiero corre ai sensi di colpa per non aver capito prima, per non aver saputo e voluto alzare la testa. E oggi che gli editti toccano da vicino, è fin troppo facile cambiare idea.

Oggi ha ragione chi dice: perché non ci avete pensato prima? non c’è una risposta che non contempli un pizzico di vergogna. Un vergogna che, però, non prevede ora il silenzio, il ripetersi di un errore. Oggi che gli editti toccano da vicino, è fin troppo facile cambiare idea e ha ragione chi dice: “perché non ci avete pensato prima?” Ammettiamolo, non c’è una risposta che non contempli un pizzico di vergogna. Un vergogna che, però, non prevede ora il silenzio, il ripetersi di un errore”.

Veramente notevole, non c’è che dire. E’ gente questa che guarda avanti e che vuole costruire qualcosa di nuovo.
E partono con una dura quanto spietata autocritica i finiani che, per quanto tardiva, appare comunque in anticipo rispetto ai tanti sedicenti “intellettuali di sinistra che da 16 anni tengono il sacco e fanno da palo al Cavaliere paraculeggiando con finta indipendenza, che è pure peggio del berlusconismo, perché non ci mette neppure la faccia.
E questo vale per tutti i dirigenti e le teste d’uovo del centrosinistra “riformista”, prima di tutto del PD, che hanno screditato il valore dell’antiberlusconismo come “demonizzazione” e “giustizialismo”, sacrificato sull’altare di un “dialogo” mai corrisposto e di “riforme condivise” mai viste e delle ospitate a Porta a Porta, gente che non ha mai voluto immaginare una destra diversa da quella abusiva e fuorilegge di Berlusconi, garantendogli così lunga vita.

Oggi che finalmente viene detto dai finiani quanto ,il re sia nudo dovrebbero vergognarsi gli appartenenti alla casta partitica del PD e chiedere finalmente scusa alla loro base che sbeffeggiano da anni con alterigia.
I finiani, con tutte le loro magagne, lo stanno facendo mentre Berlusconi è vivo e potente e con potenza li attacca a livello personale con i suoi media. D’Alema & C. invece aspettano il referto del medico legale.

«Spiegheremo agli italiani cosa sta veramente accadendo nel nostro Paese» ci dice Rosy Bindi invitandoci ad una mobilitazione porta a porta e chiedendoci se siamo pronti; certo che siamo pronti cara compagna/amica e lo siamo da anni, noi!
Ma che cos’è che dovremmo spiegare porta a porta, che i finiani hanno avuto il coraggio (finalmente) di dire quanto noi non ci azzardiamo nemmeno ancora a pensare?

  1. Pingback: Che andremo a dire porta a porta per il PD? « Solleviamoci’s Weblog