A nostra insaputa

berlusconi_dormeA parte ‘l’opposizione‘, da sempre diversamente opponente e da sempre baluardo di salvezza dell’utilizzatore fecale,  sembra che tutto il resto, italoforzuti compresi, stia mollando il nostro eroe.

Dalla CEI di Bagnasco alla Confindustria di Marcegaglia, da Della Valle a  Montezemolo, arriva un BASTA fermo e deciso a questo governo.  Ed in queste ore, a sua insaputa, al coro dei ‘poteri forti’ si stanno aggiungendo esplicite le prese di posizione di alcuni politici del Pdl e della Lega, oramai entrambi in frantumi, che si dichiarano pronti (La Stampa di oggi) a far cadere il puttaniere alla prima occasione.

La loro accusa in sostanza è di apparire incapace di continuare ad imporre il ladrocinio libero a Tremonti, di non avere più abbastanza potere insomma per lasciarli rubare a man bassa, per continuare a delapidare indisturbati le risorse del Paese.  E allora, se il differentemente alto non concede più loro di arraffare liberamente, tocca liberarsene in fretta e farsi avanti loro stessi.

Alla prossima occasione dunque, magari propro sulla fiducia quasi scontata per le intercettazioni, Scajola & C., corroborati  probabilmente da uno stuolo di leghisti secessionisti da Bossi,  faranno  saltare l’indagato. A loro insaputa naturalmente.

A quel punto cadrà il governo e certamente Napolitano, sentiti i partiti, affiderà l’incarico al regista di questa operazione, uno Scajola o un Maroni insomma, che con la scontata connivenza delle ‘opposizioni‘ farà fuori Tremonti e, nominato alle finanze un ministro consenziente/complice, consentirà il prosieguo indisturbato della delapidazione delle risorse del Paese.

Provvederanno senz’altro anche a varare una nuova legge porcellum  (costretti dal referendum incombente) varando una definitiva legge insaputellum  particolarmente modellata a loro uso e consumo.

E tutto a nostra insaputa stavolta.

E dell’utilizzatore fecale naturalmente.  :mrgreen:

  1. Appare ormai chiaro che a palazzo si sta tramando per togliere di mezzo il nano malefico e c’è effettivamente il rischio che cadiamo, grazie anche alle opPDosizioni, dalla griglia ai tizzoni ardenti perchè sì il nano malefico è appunto malefico, ma tutti gli altri che potrebbero prendere il suo posto sia pidiellini che leghisti, non sono migliori di lui e potrebbero fare ulteriori disastri per gli italiani.

    Ecco perchè, a mio avviso, finite le infinite manovre che hanno per il momento calmato l’Europa e i mercati, bisogna subito andare alle elezioni e che si elegga un governo che spazzi via la feccia attuale e che si prenda la responsabilità di traghettare l’Italia in acque più sicure.

    Aggiungo che solo le elezioni possono mettere nella stanza dei bottoni persone veramente nuove e responsabili, vedi Vendola, Serracchiani, Civati, Marino e altri che scalpitano per poter rendersi utili ed esporsi in prima persona perchè la verità vera è che bisogna cambiare e non mescolare.

    Proverbio: “La merda più la mescoli e più puzza”. Capito mi avete? 😈

  2. Scalfari, oggi su Repubblica, auspica un governo di responsabilità nazionale affidato ad una personalità di massima autorevolezza, che  sarebbe una garanzia per decantare la situazione, uscire dai “protettorati” e mostrare che siamo capaci di nuotare senza salvagente riconquistando fiducia in noi stessi e ispirandola agli altri.

    Ah beh, lo auspichiamo tutti eh.

    Solo che Scalfari non ci spiega cos’è che dovrebbe convincere gli Scajola, (quelli che al momento non hanno più accesso alla marmellata), a staccare la spina al puttaniere.  Quelli o vedono una  mangiatoia certa o mica si muovono.

  3. La Serracchiani dia un segnale forte nel suo interno e come lei tutti coloro che sono in grado di portare aria nuova. Nell’area PdL non credo che gli Scajola e altri portatori d’acqua, smettano di dare linfa vitale al diversamente alto, Scalfari credo possa stare tranquillo.

  4. Un altro tassello al puzzle della Banda Bassotti.
    Buona parte dei peones italoforzuti  (ma acnhe gli altri) si sono fatti i conti: com’è noto il Pdl, in caso di voto anticipato, prenderebbe al massimo 120 deputati. In quel caso  sarebbero promossi solo quelli del cerchio magico, i vertici, i coordinatori regionali e qualcun altro dei fedelissimi. Mentre loro sarebbero irrimediabilmente tagliati fuori.
    Ecco dunque che, oltre evitare il più possibile elezioni anticipate, la loro parola d’ordine diviene far fuori il puttaniere, così da poter allargare la maggioranza alle altre forze moderate del centrodestra e… tirare a campare ancora un paio d’anni.  Giusto per cuccare il vitalizio.  :mrgreen:

  5. Pingback: A nostra insaputa | Informare per Resistere