Berlusconi highlander

Sono tanti anni che tutta Italia si interroga su un argomento che è oramai diventato l’assillo nazionale. Anche per me è ormai diventato un cruccio che mi toglie il sonno notturno: cosa farà Marina?

Per capire lo stato di salute di un paese, basta guardare le notizie delle sue TV.
Anche questa mattina in tutti i telegiornali ci si interroga sul futuro dei figli del puttaniere… Si candideranno?
Dal sondaggio, sembra che con la loro candidatura alla guida del partito non si raggiungerebbe il 20%. Quindi per ora l’idea della dinastia sembra tramontare.
Il pedofilo evasore fiscale, tramite i sondaggi ha scoperto che se ci fosse un partito contro la magistratura avrebbe un discreto successo e ha accarezzato l’idea di crearne uno parallelo al suo. Ma ha dovuto abbandonare il progetto sapendo che i votanti sarebbero comunque quelli di sempre: gli evasori,i ladri, gli assassini, i truffatori, i mafiosi, i pedofili, i puttanieri e i lacchè che già da 20 anni lo votano.

I galoppini del delinquente lavorano a pieno ritmo, si propongono i più svariati sondaggi: sul nome del partito, sui personaggi, sull’eventuale cambio generazionale, su come devono vestire, se devono avere tatuaggi o piercing, se ci devono essere tette finte o naturali, cagnolini, lifting, botox, trolley di coca ecc…

Di Italia ce n’è una sola. Solo qui un pluripregiudicato può continuare a fare quello che vuole, altro che paese delle banane.
Per fare un governo, un Presidente della Repubblica, una legge elettorale, si deve chiedere il suo permesso. Solo qui un condannato in via definitiva può continuare a gestire un partito e tutta l’informazione nazionale privata e non. Anche facebook è continuamente invaso da articoli di “libero” e “il giornale” che raccontano balle colossali con l’unico scopo che qualcuno li pubblichi per smentirli (ma che intanto la gente legge).

Dopo la prima condanna definitiva, ha dichiarato che non farà la fine di Craxi. Ha detto che non fuggirà all’estero perchè è innocente e lo vuole dimostrare.
Io invece credo che Bettino se ne andò in Tunisia perchè era stato scaricato e non aveva scelta e che quando il nano bagonghi prese il suo posto, si guardò bene da questa eventualità. In tutti questi anni di governo ha saputo pararsi il culo, solo per questo non se ne va. Nessuno lo può scaricare come fecero con il cinghialone.
Tutti quelli che fino ad ora lo hanno dato per morto sono morti. I prossimi saranno Cicchitto, Alfano e company.

E comunque anche se dovesse essere costretto ad espatriare, credete forse che abbandonerebbe tutto il suo merdoso potere?
Può succedere qualsiasi cosa, il buco nell’ozono, l’innalzamento dei mari, una glaciazione, un meteorite che cade su Arcore, ma non ce lo toglieremo mai di dosso.


Commenti
C'è solo un commento per ora, perchè non farne un secondo?
  1. avatarAndrea Cotti - 23 marzo 2014

    E’ il grande interrogativo dei nostri giorni, l’assillo nazionale.  Un cruccio che toglie il sonno notturno: cosa farà Marina?

    Miss finezza deciderà di guidarci tutti verso il benessere, seguendo le orme del papà puttaniere ?

    Lascia un Commento

Devi essere Registrato per poter laciare un commento!.