Il fanatismo che avanza, il lato oscuro

Richiamando ciò che ho pensato tempo fa, con termini al limite dell’interpretazione, quando indicavo una SANA dittatura purchè spazzasse via lo schifo mafioso e illegale che ci troviamo da anni al governo e in parlamento; ora mi sono svegliato e mi rendo conto a cosa ci stiamo avvicinando.
Il fanatismo delle masse stanche della politica attuale, spenta, mafiosa e conservatrice mi terrorizza sempre di più, molto, molto probabilmente ci saranno cambiamenti drastici in Italia e uno scossone ci vuole eccome dopo tutti questi anni di monopolio politico ad inciucio, il problema è che non sarà il monopolio a cambiare, ma il potere che andrà ad un solo movimento. Cosa ha sconvolto dentro di me un tale pensiero? La rabbia!

La rabbia di sentirsi inutili, la rabbia di sentirsi impotenti, la rabbia di trovarsi rubati della dignità dalle istituzioni che dovrebbero proteggermi, tutelarmi, elevarmi, aiutarmi. La rabbia di avere idee, voglia di fare, voglia di creare qualcosa per questo fantastico paese in cui sono nato e ritrovarmi i bastoni tra le ruote proprio dal sistema stesso.

Ora leggo frasi e incitazioni alla violenza già ben oltre la legalità, siamo già a livelli di olio di ricino in piazza, siamo a livelli di lapidazioni e roba simile, questo mi fa paura.

Alle ultime elezioni votai M5S, perchè veramente contrariato dall’impotenza di ciò in cui credevo nel fare qualcosa di giusto.
Fin dal primo voto dei miei 18 anni ho creduto in qualcosa che in poco tempo si è sfaldato e svanito.
Ho cavalcato il sogno di un’Italia giusta, coerente, pulita, fiorente e soprattutto legale, ho cavalcato il sogno di una ripulita di questo sistema di inciuci, raccomandazioni e ricatti, ma non è successo e ora mi accorgo che la cosa è degenerata, la gente è disperata, gli italiani non hanno più casa, non hanno lavoro, i giovani non hanno futuro, la mano d’opera italiana non esiste più, l’esperienza di un lavoro decennale quanto generazionale non esiste più, c’è rabbia, tanta rabbia e questo porta al fanatismo.
Si ora vedo tutti i segni di ciò che ho studiato, di ciò che i nonni mi hanno raccontato, di ciò che è accaduto in Italia 70 anni fa.

Qui raga sono cazzi e mi troverò a sparare contro quelli che “salveranno” l’Italia dai ladri donandola ai dittatori.

Raga qui sono cazzi. Basta veramente poco per ridurre questo paese allo sfacelo totale, quanto elevarlo alla rinascita, ma dubito fortemente in quest’ultima, visto l’imbecillità di ciò che avanza.


Commenti
Sono stati scritti 13 commenti sin'ora »
  1. avatarAndrea Cotti - 21 maggio 2014
    • Persiceto Caffe  Complimenti per l’ottima analisi, profonda, sentita e pienamente condivisibile.
       
    • Lucio Regazzi  Sono stufo anche io. Stufo di andare in altri paesi e scoprirli sempre più civili del nostro.
      Stufo di uno stato vessatorio che invece che cercare di mostrare la giusta strada alla gente complica appositamente ogni cosa per poterci cogliere in fallo e
      spillarci denaro.
      Stufo di sentirmi privato della dignità : ma si può vivere in un paese dove mettere al mondo dei figli diventa quasi un problema? I figli sono il futuro dell’umanità …. Michele Cotti credo che tu ti sia espresso in maniera impeccabile cogliendo il pensiero di moltissime persone.
       
    • Fiocchi Nicola  Quindi io che ho votato a sx per 14 anni, turandomi il naso ogni singola volta, sono in realtà un fascista che non sapeva di esserlo ma sotto/sotto covava, e che ora per le europee, che stanno facendo passare come qualcosa di nazionale e come se fosse una questione di vita o di morte,se voto M5S , mi ritroverò una banda armata di olio di ricino.
      Cari miei, non so voi,ma come ho fanculizzando la pseudo sx,ci metto 5 minuto a fanculizzare il M5S.
      Io non sono di nessuno.
      Appena vedo due porcate li mollo.
      Mai avuto tessere e mai le avrò.
      La tua analisi va bene,per carità, ma per le europee li hai visti quelli che ci vanno?chi sono?cosa fanno? Cosa promuovono?
      Non cambierà niente.
      Vince il Pd.
      Fidati.
      A me importa poco.
      Sono abituato a perdere.
      Poi…oh…peace.
      A mio parere,già il fatto che ci sono persone eh intraprendono il discorso è sintomo di amore per la patria.
      Il resto sono cazzate televisive.
       
    • Stefano Ballanti  Ciao Michele, mi trovi pienamente concorde sulla fotografia che hai fatto.
       
    • Stefano Ballanti  Occorre trovare soluzioni in fretta. Sicuramente quella di demandare ad un altro la voglia di giustizia etica e morale di cui ha bisogno questo paese non è la strada giusta, anzi è una strada molto pericolosa. Grazie al malcontento e disperazione delle persone sono nati e cresciuti regimi ben peggiori di quelli preesistenti. A noi italiani piace giudicare ma non vogliamo impegnarci. Additiamo la classe politica come responsabile di tutto ma in realtà il problema è molto più grande. Ne avrei tante da scrivere ma devo scappare ..
    Lascia un Commento
  2. avatarAndrea Cotti - 21 maggio 2014

     

    • Fabio Roveri  Mahm non saprei, mi viene sempre in mente “le tigri di carta” di un’epoca passata, quel che voglio dire è che sotto le elezioni se ne dicono di tutti i colori. Ricordo che in una elezione rimproverai Italia dei valori di essersi rimangiato l’impegno di coalizzarsi con il PD o DS, non ricordo, al chè un grosso dirigente mi disse: “ma Roveri, è stato detto durante le elezioni, sai anche tu cosa sono le promesse elettorali no?”. Ecco, vedi, ho smesso di cercare significato nelle parole, cerco piuttosto di guardare le persone che le dicono, la loro storia, il loro comportamento… poi vedremo.
    Lascia un Commento
  3. avatarAndrea Cotti - 21 maggio 2014

     

    • Andrea Masini   Condivido tutto il tuo post, soprattutto le ultime righe. Ma non si instaurerà nessuna dittatura, il M5S imploderà prima di riuscire a governare. Purtroppo però non riesco a vedere nessuna rinascita possibile ma solo lo sfacelo totale. Il M5S era l’unica novità in un panorama desolante di corruzione e malgoverno, che continuerà ad imperare finchè in questo assurdo paese resterà qualcosa da spolpare. Poi finalmente arriveranno gli stranieri a governarci, quando ci saremo venduti tutto: forse i tedeschi, forse chissà. A quel punto, costretti con la forza, diventeremo un paese QUASI normale. Sarà una dittatura? Sicuramente sì, ma lo è già oggi, a ben guardare. Quindi forse è meglio una dittatura PALESE che questa “democrazia” solo teorica. E la storia insegna, siamo sempre stati governati dagli stranieri: i Borboni, gli arabi in sicilia, i longobardi al nord, l’Austria etc etc. Niente di nuovo quindi, ma solo corsi e ricorsi storici…. Io NON scrivo più di politica su internet, ho fatto questa eccezione perchè mi ha colpito il tuo intervento. Spero che mi perdonerai e se non dovesse piacerti ciò che ho scritto cancella pure che non c’è problema. P.S.: io questo giro NON voto. Lascio decidere agli altri, visto che NESSUNO mi convince. Quando si presenterà qualcuno che mi darà l’idea di non dovermi pentire di avergli dato il voto se ne riparlerà.
    Lascia un Commento
  4. avatarAndrea Cotti - 21 maggio 2014

     

    • Mirko Torri  Io non sono d’accordo con la tua analisi della situazione e ti spiego le mie motivazioni. Il paragone che tu fai con la storia passata è anacronistica, lo è perchè i tempi e anche la cultura della gente è completamente diversa, quindi le masse sono meno soggette ad essere soggiogate da un’eventuale “dittatore” …dalla storia si impara……il M5S è un movimento e quindi una transizione del sistema, è l’espressione del malcontento popolare che non mi sembra proprio abbia portato alla violenza che tu auspichi, ne sono prova le manifestazioni fatte con migliaia di persone dove non è mai successo nulla, ok i toni a volte sono duri ma le parole sono parole e anche i politici di vecchia data le usano in modo spesso violento….quindi io vedo solamente una sana incazzatura popolare senza violenza, se poi come auspichi tu tutto dovesse degenerare ( ma non credo proprio) in un qualcosa simile alla dittatura la gente “intelligente” non si farà fregare, credimi….siamo davanti ad una piccola rivoluzione e come tutte le rivoluzioni esistono delle variabili, ma penso che oggi gli Italiani siano maturi per farla, legalmente e cambiando questo sistema politico corrotto votando le persone giuste……sono sempre stato di Destra e il M5S non si può certo dire che sia altrettanto!….la maggior parte degli iscritti è della vecchia sinistra, quella in cui anche io molti anni fa credevo….quindi ho fede nella loro cultura anti fascista.
    • Fiocchi Nicola  Ragazzi…comunque vada e a prescindere da chi vota chi è chi pensa cosa,se ne stiamo parlando è proprio perché ci teniamo a questo cazzo di paese.
      Tutti.
      A prescindere dal pensiero politico.
    • Orazio Zucchini  Bravo mirco e bravo andrea…ma il problema vero x me è l italiano stesso ke x 40 anni ha lottato x avere sempre di più nel proprio orticello privato fregandosene degli altri e xdendo sempre d più il senso civico…dura ora farlo ritornare…
    • Michele Cotti  Ciao Mirko, sono felicissimo di quello che hai scritto e ti dico che lo pensavo allo stesso modo, ma anche tu tranquillamente hai i mezzi per capire ciò che mi turba e terrorizza.
      Basta leggere i commenti delle persone, anche su fb, ai vari slogan del M5S. “MUORI, AMMAZZATI, IMPICCATI, AL ROGO, TAGLIAMOGLI LE PALLE, PUTTANA, TROIA, NEGRA, VACCA” ecc sono i commenti che leggo sotto gli annunci del M5S.
      Qui Mirko abbiamo un megafono sulle piazze che basta urli un paio di cose anche insensate e la folla scoppia in delirio senza ragionare, qui Mirko stanno usando gli argomenti sensibili a noi tutti per fomentare una rabbia già esistente, per aumentare la tensione, per inveire contro lo schifo politico, qui Mirko stanno utilizzando la carota attaccata ad un bastone per far muovere le masse in una direzione che non sanno.
      Questo mi fa paura Mirko, sposo tanti punti del programma M5S, ma quanto mi sento riflesso da alcuni componenti M5S in parlamento, quanto mi fa schifo (e sempre fatto) ciò che vedo nelle piazze, il fanatismo di un individuo che ha capito come muovere le masse.
    • Massimiliano Navacchia  Tenendo conto che nonostante oggi siamo in campagna elettorale per le europee, fuori dai giochi Berlusconi e Ncd, il voto avrà valenza di referendum pro o contro Renzi, ipotesi avvallata anche dal fatto che Tsipras ad esempio non viene invitato mai o quasi in Tv nei momenti/dibattiti importanti.
      La domanda che almeno io mi pongo e che forse tutti gli italiani dovrebbero porsi è quindi la seguente: “voglio io elettore e cittadino che quello che in teoria dovrebbe essere il più grande partito di centrosinistra sposti definitivamente il suo punto di equilibrio al centro?”
      Se sì, è cosa buona votare Pd alle Europee, se no, ovvero se si vuole riportare il Pd a sinistra, alle europee non si deve votare Pd, preferendo Tsipras o M5S che sono i ricettori principali deivoti degli scontenti di Renzi.
      Il resto non conta, visto che il voto alle europee non aggiunge nemmeno un parlamentare alla Camera o al Senato al M5S e che quindi, anche volendo (ma io credo siano tutti d’accordo, anche Grillo), non potrebbe esercitare dittatura in niente.
      Se poi mi dici che a Persiceto ci sono politici locali migliori, questo è tutto un altro discorso che ha a che fare con le locali amministrative e non con le europee…
    • Mirko Torri  Michele…cazzo…sei proprio “impaurito”!!…..guarda..io sono molto pragmatico e come tale cerco di “tarare” quello che vedo, fomentare le piazze è una vecchia arma usata da tutte le forze politiche, io sono stato moltissimi anni fà ai comizi di Sinistra e posso assicurarti che i toni usati sopra il palco da alcuni politi erano completamente diversi da quelli usati in tv e molto simili a quelli usati da grillo, magari meno “urlati” ma spesso piu taglienti……ho guardato moltissimi video dove le persone parlano e interagiscono con i ragazzi del M5S nei vari Agorà italiani ( vedi di Battista, di Maio ecc. ecc) e sono tutti confronti pacati e anzi molto accorati…cazzo!! ( scusa il francesismo) non puoi dare peso ai pochi deficenti che su un forum sfogano la loro rabbia repressa, ricordati inoltre che molti di questi sono messi li ad arte e pagati per creare scompiglio, sta al buon senso delle persone serie non prenderli in considerazione……ma Michele voglio chiederti una cosa, pensi che in un contesto come quello attuale si potesse smuovere l’orgoglio degli Italiani…quegli Italiani che sono stati 50 anni a guardare passivamente pensando solo al proprio orticello, in un modo diverso di come ha fatto grillo?…a mio avviso nò.., anche se lui stesso ammette che spesso si lascia prendere dalla foga e sbaglia …anche lui è umano… serviva una comunicazione di impatto che smuovesse l’orgoglio ormai represso e lui anche se a volte è criticabile lo ha fatto…..lui è solo un megafono, sono felice invece di avere in Parlamento moltissimi ragazzi seri e appassionati di vera politica e sopratutto che hanno a cuore l’italia, come ha scritto Fiocchi Nicola che tengono a questo stupendo paese….
    • Mirko Torri  Michele Cotti……dimmi la verità come fai a non dare fiducia a un ragazzo come questo?….

      come puoi dire che è un fomentatore?….io mi fido di persone come lui e sono la maggior parte credimi…

    • Michele Cotti  Mirko non mi devi convincere su Di Battista e altri come lui.
    • Davide Pizzi  Allora diamogli una mano a sti ragazzi almeno semplicemente votandoli
    • Michele Cotti  Dalla mia, mi dispiace ma nel mio comune dal M5S non mi sento assolutamente rappresentato. Vediamo alle europee.
    • Fiocchi Nicola   Se non ti senti rappresentato alle amministrative,fai bene a non votarlo a prescindere da cosa voti.
      Libertà prima di tutto.
    Lascia un Commento
  5. avatarAndrea Cotti - 21 maggio 2014
     

    Marco Bratti   Condivido in pieno Michele

    Lascia un Commento
  6. avatarAndrea Cotti - 21 maggio 2014

     

    • Giovanni Billeddo  Miki, sottoscrivo in pieno ciò che hai detto e mi permetto di aggiungere che ” allora”, non era il movimento a fare paura o l’ideale a intimorire ma le persone, così come accade in tutti i movimenti ” contro”! Ora , se vediamo i giorni nostri, e se facciamo fede al detto ” il buongiorno si vede dal mattino” , non so che pensare…..
    Lascia un Commento
  7. avatarAndrea Cotti - 21 maggio 2014

     

    • Gabriele Tesini  Michele, probabilmente questa sarà una delle ultime risposte e l’ultimo “mi piace” che cliccherò nel tuo diario come in quello di tutti gli altri perchè da lunedì mi cancellerò da facebook. Comunque, devo dirti che comprendo i tuoi crucci i tuoi pensieri, i malumori e i maldipancia, sono anche quelli di Luca. Bene, io credo che tu faccia bene a votare secondo coscienza decidendo con la tua testa, ma vai a votare, per chiccessia, ma vai a votare. Anche io nonostante a Persiceto sia in campo con la mia faccia, ho fatto molte considerazioni prima di decidere di mettere in campo Progetto Comune e mi sono preso del traditore, dell’accoltellatore alle spalle, su facebook mi hanno gettato fango addosso, ma non mi importa nulla perchè sono fermamente convinto che l’appiattimento e gli inciuci della politica della destra con la sinistra, sia nazionale che locale, non portino a nulla se non alla stagnazione e alla cancellazione totale dei diritti dei lavoratori e dei giovani che con il ventennio del Pregiudicato, mantenuto anche dal PD, potrebbe protrarsi per altri vent’anni. Renzi e Mazzuca mi paiono proprio gli uomini giusti al comando. Bene, io a votare ci voglio andare, ma non più con il maldipancia e per questo a Persiceto, dopo quello che ho fatto, andrò felice e sicuro di non aver tradito nessuno ma andrò addirittura con la consapevolezza che il tradito e l’accoltellato alle spalle sono stato io. Europee? Grillo e Tsipras mi sembrano i migliori, anche io ho ancora il dubbio, consigliami tu… Ciao bello.
    Lascia un Commento
  8. avatarAndrea Cotti - 21 maggio 2014

     

    • Michele Cotti  Gabri mi spiace riguardo la tua intenzione di mollare FB quando più che mai dovresti usarlo, in quanto social, per enfatizzare ciò che stai coltivando e portando avanti come personaggio pubblico. Effettivamente la possibilità di votare la propria coerenza è tanta roba, ma credimi io non sono qui per consigliare chi o cosa votare, ho espresso ciò che penso come ho sempre fatto, felicissimo che tutti i commenti che precedono sono pieni di tolleranza e rispetto e noto che alla fine tutti vogliamo la stessa cosa. Tranquillo che andrò a votare. Non ho mai buttato via il mio voto e non intendo gettare la spugna proprio ora.
    Lascia un Commento
  9. avatarAndrea Cotti - 21 maggio 2014
    •  
      •  
      •  
        Yari Deserti  

        Michele condivido solo in parte quanto hai scritto, e parto quindi dalla fine. “”Raga qui sono cazzi. Basta veramente poco per ridurre questo paese allo sfacelo totale, quanto elevarlo alla rinascita”” il paese è già allo sfacelo totale. Debito pubblico, crisi, politica, inciuci, mafia, corruzione, (dis)informazione, sanità, istruzione, economia, lavoro (cazzo! il LAVORO), dammi una notizia positiva a tua scelta degli ultimi 20anni. Questi partiti finti opposti ma che vanno a braccetto da sempre ci hanno affossato e stanno portando l’Italia a morire, così come la rana muore bollita nella pentola con l’acqua che si scalda di un grado alla volta ma lei non se ne accorge. Bisogna che noi rane, ce ne accorgiamo, e che andando a votare facciamo qualcosa.
    • Michele Cotti  Vero Yari, VERO, non avrei votato M5S. ti riscrivo una mia frase: “Qui raga sono cazzi e mi troverò a sparare contro quelli che “salveranno” l’Italia dai ladri donandola ai dittatori.” Questo è il mio stato d’animo, chiamala paura e sai quanto pure io voglia cambiare le cose!!
    Lascia un Commento
  10. avatarAndrea Cotti - 22 maggio 2014

     

    • Valter Pederzoli  Non esistono sane dittature. Esistono solo dittature. I ragazzi di 5 stelle sono bravi, ma Grillo il mio voto se lo è giocato tempo fa facendo l’ennesima figura da cioccolataro. Non ho alternative valide ma io abito in Germania e per il momento non torno certo per votare dei ciarlatani.
    • Fausto Cotti  Io non sono pessimista. Come dice Battiato, “ci sarà una rivoluzione? Ben venga” Io ho sempre considerato Berlusconi il vero pericolo. Il puttaniere ha sempre accusato gli altri di ciò che lui faceva o aveva intenzione di fare e adesso accusa Grillo, Renzi, l’Europa e tutti gli altri di golpe che è esattamente quello che lui voleva fare e che in parte ha già fatto. Se oggi ci sono intere generazioni di invasati imbecilli coglioni è grazie al lavoro certosino che lui ha fatto e che è indispensabile come premessa per l’instaurazione di una dittatura. Le giovani generazioni che seguono M5S sono in gran parte nate e cresciute nel ventennio berlusconiano e bene o male ne sono state profondamente influenzate. Sono cresciuti con la bava di Sgarbi, la falsa giustizia delle iene, la malafede di Ferrara, la stupidità del grande fratello, i falsi miti alla Fabrizio Corona, Lele Mora e merda varia. Io rimango comunista e so che oggi non va più di moda. Condivido le idee grilline ma non li voto proprio perchè sono pieni di fascistelli. Del resto Grillo vuole vincere e per farlo deve tirare dentro anche la merda. E mi sa che altrimenti si continuerebbe senza cambiare nulla.
    • Michele Cotti  “Condivido le idee grilline ma non li voto proprio perchè sono pieni di fascistelli. Del resto Grillo vuole vincere e per farlo deve tirare dentro anche la merda. E mi sa che altrimenti si continuerebbe senza cambiare nulla.”
      Amen.
    Lascia un Commento
  11. avatarAndrea Cotti - 24 maggio 2014

     

    • Andrea Cotti  Tornando in tema, … cioè sui timori di Michele per la degenerazione gretta, integralista e violenta di “buona parte” degli accoliti grillini; riflettiamo un attimo su questo post.

      foto di Andrea Cotti.
    • Simonacosettateladico Casali  Ciao Michele. Anche io non sono molto convinta della figura di Grillo, anche se tutto cio’ che dice il Movimento 5S interpreta poi i miei pensieri… mi sto anche rendendo conto pero’ che tutt’intorno (gli altri partiti, molti giornali e tv) tentano di demonizzare e demolire qualsiasi cosa essi dicano o facciano, e di enfatizzare quelli che sono i loro limiti…. e mi chiedo: Proprio per farmi desistere dal votarli? Proprio per instillare in me quei dubbi? Proprio perché hanno una gran paura che tutto cambi?! Sono molto indecisa anche io e capisco il tuo disorientamento
    Lascia un Commento
  12. avatarAndrea Cotti - 25 maggio 2014

     

    • Michele Cotti  Chiaro che sono a favore del cambiamento, chi mi conosce sa bene quanto odio il sistema attuale, ma non smettiamo di usare la testa.
      Io ragazzi l’ho già scritto: “Qui raga sono cazzi e mi ritroverò a sparare contro quelli che “salveranno” l’Italia dai ladri donandola ai dittatori.”
    Lascia un Commento
  13. avatarAndrea Cotti - 29 maggio 2014

     

    • Persiceto Caffe     “I nostri avversari ci accusano e accusano me in particolare di essere intolleranti e litigiosi.
      Dicono che rifiutiamo il dialogo con gli altri partiti.
      Dicono che non siamo affatto democratici perché vogliamo sfasciare tutto.
      Quindi sarebbe tipicamente democratico avere una trentina di partiti?
      Devo ammettere una cosa – questi signori hanno perfettamente ragione. Siamo intolleranti.
      Ci siamo dati un obiettivo, spazzare questi partiti politici fuori dal parlamento.
      I contadini, gli operai, i commercianti, la classe media, tutti sono testimoni… invece loro preferiscono non parlare di questi 13 anni passati, ma solo degli ultimi sei mesi… chi è il responsabile? Loro! I partiti! Per 13 anni hanno dimostrato cosa sono stati capaci di fare.
      Abbiamo una nazione economicamente distrutta, gli agricoltori rovinati, la classe media in ginocchio, le finanze agli sgoccioli, milioni di disoccupati.. sono loro i responsabili!
      Io vengo confuso… oggi sono socialista, domani comunista, poi sindacalista, loro ci confondono, pensano che siamo come loro.
      Noi non siamo come loro! Loro sono morti, e vogliamo vederli tutti nella tomba!
      Io vedo questa sufficienza borghese nel giudicare il nostro movimento..mi hanno proposto un’alleanza.
      Così ragionano! Ancora non hanno capito di avere a che fare con un movimento completamente differente da un partito politico…noi resisteremo a qualsiasi pressione che ci venga fatta.
      E’ un movimento che non può essere fermato… non capiscono che questo movimento è tenuto insieme da una forza inarrestabile che non può essere distrutta.. noi non siamo un partito, rappresentiamo l’intero popolo, un popolo nuovo.”
      (Adolf Hitler – Eberswalde – 27 Luglio 1932)

    Lascia un Commento

Devi essere Registrato per poter laciare un commento!.